PINKWASHING

Cos’è il Pinkwashing e perché è indispensabile sapere che esiste?

L’igiene è una cosa seria. Lo abbiamo imparato in pandemia (spero). Nella comunicazione non funziona esattamente allo stesso momòdo.

Da Wikipedia:

Pinkwashing è una parola formata dalla crasi tra "pink", rosa, e "whitewashing", imbiancare o nascondere. Il “pink” indica per convenzione (sì, ancora) le questioni legate al genere femminile.

Dunque, fare pinkwashing significa attuare forme di brand activism di pura facciata che mirano a nascondere fatti e misfatti aziendali legati alle cause femministe, femminili e di parità di genere.

Abbracciare una causa, attivarsi e dedicare tempo e risorse NON deve mai essere un’attività di marketing che mira al miglioramento della brand reputation o al furbetto posizionamento di brand.

Piuttosto si può (“può” non è un obbligo) scegliere di prendere posizione e assumersi la responsabilità sociale verso cause, iniziative e progetti di interesse comunitario.

In breve: una mano di rosa sulle grafiche, un fiocchetto sul logo e uno sbaffo di rossetto sulla faccia NON significa fare brand activism.

Ti serve di più: allerta spoiler!

Conoscere la differenza tra brand activism e pink/green/rainbow/qualsiasicosa washing è fondamentale. Perché?

Il termine pinkwashing viene usato per la prima volta nella sua attuale accezione nel 2002 dalla Breast Cancer Action organizzazione attiva negli USA a supporto delle donne malate di cancro al seno.

L’organizzazione definiscice così il pinkwasher:

«organizzazione o compagnia che sostiene di avere a cuore la lotta al tumore al seno e per questo promuove prodotti con il fiocchetto rosa, ma allo stesso tempo produce e/o vende prodotti che contengono sostanze chimiche connesse alla malattia».

In effetti, l’ormai noto pink ribbon (il fiocchetto rosa simbolo della lotta contro il tumore al seno) era comparso magicamente ovunque, un fiorire di prodotti in edizione limitata con packaging rosa che più rosa non si può

Peccato che l’alcol o il pollo fritto-nel-fritto non fossero proprio un toccasana per il cancro al seno.

Breast Cancer Action entra – giustamente – in action e lancia la campagna

Think Before You Pink.

Perché è giusto incazzarsi? Perché sì.

Questo è pinkwashing:

KFC-Estelauder-pinkwashing-esempi
esempi di pinkwashing
KitKat-pinkwashing

Fare storytelling strumentale creando narrazioni deviate e devianti è un problema. Un problema che riguarda tutti e tutte. La questione viene spiegata molto bene qui.

Ricordi la campagna del Nastro Rosa 2015?

nastro-rosa-2015-pinkwashing

Magari con "buone" intenzioni ma si tratta di una rappresentazione sessualizzata e sensuale del problema del cancro al seno.

Ma allora che si può fare? "Non siete mai contente"?

C’è modo e modo.

Una delle maggiori cause del pinkwashing è l’ignoranza.

Ma anche la superficialità e solo infine per fare un’azione di marketing. Ti stupirebbe sapere quanto sia grande l’approssimazione con cui vengono concepite certe comunicazioni di brand. 

Le aziende sono entità complesse, spesso perse nei meccanismi operativi e annebbiate dall’egocentrismo di chi “comanda” (uomo, donna, gender fluid che sia). 

Personalmente mi sono trovata a gestire tante situazioni “limite” e mi sono spinta a fare campagne di attivismo solo in due casi:

In entrambi i casi ho avuto tempo e spazio per fare le cose per bene. Scegliere le parole giuste, le immagini giuste, i modi giusti. 

In entrambi i casi l’ho fatto assumendo il pieno controllo (e responsabilità) di quello che sarebbe uscito e sempre a titolo gratuito. Per mia scelta.

Oh, la coerenza o c’è o non c’è. 

La mia fortuna (scelta) è di operare nel settore comunicazione da freelance. Ciò implica tante seccature ma ha anche un grande irrinunciabile vantaggio: la libertà.

Molto spesso la libertà si traduce in scarso fatturato e in lunghi periodi in cui tirare la cinghia perché – credimi – non è facile abbandonare progetti e collaborazioni, ma per me è impossibile portare avanti collaborazioni che “ignorano” certi valori.

 Vuoi fare brand activism?

Contattami pure. Ma prima chiediti se lì da te è tutto a posto.

Non è che vuoi schierarti a sostegno della causa contro la violenza di genere e poi sottopaghi le tue dipendenti?

Non è che vuoi supportare i centri antiviolenza e poi tolleri atteggiamenti e linguaggi violenti, sessisti e umilianti nella tua azienda?

Cambiare si può, migliorare pure. Ma devi fare un lavoro che parta dall’interno prima di “uscire” altisonanti proclami.

Da dove partire per fare brand activism?

Dalle basi, dalle cose semplici: fai informazione e metti da parte il branding.

Contatta, per esempio, una delle tantissime associazioni e chiedi loro di cosa hanno bisogno. Ascolta. Dai voce a loro e non improvvisare.

E ricorda, puoi bussare qui

Cos’è la violenza di genere?

È una domanda da fare e la risposta non è scontata. Per lo più la violenza di genere viene associata alla violenza fisica: picchiare, mettere le mani addosso o uccidere una donna.

No. Non solo.

La violenza di genere è la violenza perpetrata contro le donne ed è basata sul genere. È ritenuta una violazione dei diritti umani.

Esistono varie forme di violenza e possono essere vittime di violenza donne di ogni estrazione sociale, livello culturale e di ogni parte del mondo. In questo video le operatrici di Differenza Donna te lo spiegano per bene. Guardalo momò.

L’ironia della sorte.

Come in tutte le cose del marketing, se fai una promessa e non la mantieni poi so’ problemi.

Quando si tratta di una spedizione arrivata in ritardo magari puoi mandare uno sconto, chiedere scusa e cospargerti il capo di cenere. Il danno in effetti è riparabile. Magari perderai la fiducia del cliente e ti sconsiglierà alla sua cerchia.

Se però ti ergi a paladino/a dei diritti umani, dell’ambiente, della salute e del benessere sociale ma poi si scopre che è tutta fuffa… quanto credi si incazzeranno le persone?

L’ambiente digitale amplifica naturalmente ogni cosa. Sognavi la “viralità”? Ti assicuro che beccarsi una shitstorm (o peggio)  non è una bella cosa e può avere ripercussioni a lungo termine.

Qui mi sono focalizzata sul pinkwashing ma esiste un termine più generale che indica tutte quelle attività fatte per attirare simpatie e profitto sfruttando cause sociali rilevanti: il woke washing.

Ecco. Non farlo.

Parti dal basso.

Qualche consiglio te l’ho già dato prima, ne aggiungo un paio testati da me-Momò-medesima:

Ti pare poco? 

Se ti pare poco inizia a farlo momò.

Crea un ambiente sicuro, rispettoso e inclusivo.

Essere accolta dal capo delle risorse umane con un bel: "ma che ti è successo ai capelli?" è una cosa brutta, umiliante e pericolosa.

Chi può scapperà. Chi non può perché magari pensa di non avere alternative perché è donna, sulla quarantina, con famiglia (ma chi ti assume?)  annuirà con un sorriso di circostanza e intanto si sentirà morire dentro.

Poi c’è chi risponderà: “ma ti sei visto tu?” E allora entrerà nel mirino etichettata come “la rompipalle”, “l’isterica”, “la femminista” come poi fosse un insulto boh, “con quella non si può scherzare”.

Questi sono solo due miseri esempi che mi sento di condividere perché li ho vissuti sulla mia pelle. Ma, come ho già detto, io sono quella “fortunata” che se ne va.

Ecco perché insisto. Per quelle donne che devono restare e hanno diritto di stare bene, di essere valutate non sulla base del genere a cui appartengono ma di quello che fanno o non fanno.

Avere pari opportunità significa esattamente quello che significa. Appartenere a un determinato genere non dovrebbe più rientrare nei valori che influiscono sulle possibilità.

I numeri non bastano.

La conta dei femminicidi non conta abbastanza. I numeri servono (non ditelo a me che ci campo) ma non bastano.

Innanzitutto bisognerebbe saperli interpretare.

I numeri hanno un problema di fondo, spersonalizzano. Sono simboli che indicano quantità, semplificano, vendono, ma non sempre sono supportati dalla corretta narrazione.

Centosei, centosette, centomila. Okay, sappiamo contare e purtroppo anche distorcere la realtà.

Se iniziassimo a dare nomi e volti alle donne morte sicuramente non basterebbero i caratteri disponibili per un post social o un articolo di giornale. Ma cambierebbe un pochino l’impatto.

C’è un numero che conta: il 1522 

Si legge quindiciventidue.

È il numero nazionale antiviolenza e stalking. Purtroppo ancora poco conosciuto. Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 ore su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Per avere aiuto o anche solo un consiglio chiama il 1522.

Il numero è gestito dall’associazione Differenza Donna ONG.

Ecco cosa puoi fare momò: diffondi questo numero.

1522 numero antiviolenza e stalking

💜 Marina Momò

Alcuni link di approfondimento

https://www.insidemarketing.it/stereotipi-di-genere-in-pubblicita/

https://www.lafeltrinelli.it/brand-activism-dal-purpose-all-libro-philip-kotler-christian-sarkar/e/9788820397913?lgw_code=50948-B9788820397913&awaid=9507&gad_source=1&gclid=Cj0KCQiApOyqBhDlARIsAGfnyMqw3v2VtREFQnk629nTerBUkJahzdMmrAUdE-5pv2VCCFnQvOo8R94aAl-xEALw_wcB&awc=9507_1700493814_92017c464ef4afd8c769a9a983d17e62

https://www.theguardian.com/world/2012/feb/15/komen-pinkwashing-problem-planned-parenthood

Pink is not the problem. The problem is Pinkwashing.

Ti girano le bolle? Stop! Smetti di postare momò.

Lo so, credimi se ti dico che conosco benissimo la sensazione di voler rispondere subito e per le rime a chi se lo merita. Non a caso sono una fumantina predestinata alla nascita: capricorno ascendete vergine. Mica spicci.

Quindi prendi ciò che segue come la svolta vera che ha trasformato la mia vita – privata e professionale – da "dramma continuo" a "anche meno". Non è il segreto dei segreti, ma quasi.

Ripeti con me: se mi girano le bolle NON DEVO FARE NIENTE.

Non devo rispondere ai commenti spammosi o quelli dei rosiconi, anche detti haters. Io li chiamo così e li immagino a rosicare unghie, tastiera, mouse e i loro costosi smartphone.

Non devo riempire di insulti chi mi lascia recensioni negative, ingiuste o false.

Non devo postare sfoghi personali o peggio professionali in post, storie, live.

Non devo scendere dalla macchina e riempire di insulti chi mi taglia la strada. Vabbè, un vaffanculo ogni tanto ci sta, basta che poi non vai a fare lezioni di guida sui social (che pure ce ne sarebbe bisogno, ma lasciamolo fare a chi di competenza).

Per esempio, a me fa andare ai matti chi occupa senza averne diritto i posti riservati ad altri: parcheggi disabili, donne incinte, famiglie numerose, strisce e passaggi pedonali, posti riservati a moto, bici altro.

Il mio primo istinto sarebbe lasciare il mio sdegno ben visibile su tutta la carrozzeria. Potrei anche averlo fatto, ma ero certamente incapace di intendereevolere e mi "appello al quinto!"

Ma trasferendo questo esempio nella comunicazione ho imparato che:

Come ho fatto?

Un po' dai miei errori, un po' di più dagli errori dei miei clienti ma anche studiando e approfondendo le crisi reputazionali celebri e non. Vedi, per esempio, il caso Layla Cosmestics.

La fretta è cattiva consigliera, soprattutto sui social media.

Parliamo di community management: ti serve la pazienza di Giobbe, il sangue freddo di un serial killer, la capacità di ascolto e di analisi di un profiler dell'FBI. Ce l'hai?

Esempi momò:

👉 Ristorante/pizzeria: recensione negativissima, approssimativa o, peggio, il classico "capello nel piatto" – giuro che mi è capitato – quanto è difficile tenere a bada l'ira funesta del ristoratore di turno?

TANTISSIMO. Talmente tanto difficile che per un certo periodo ho evitato il settore food. Ero stremata dai messaggi notturni e nei weekend che mi facevano strozzare con l'ultimo boccone del pranzo della domenica o col bicchiere della staffa.

👉 Gruppi Facebook e grandi community: se deve scattare il flame succederà di certo nei weekend, dopo le 22:00 o alle 7:00 di sabato mattina. La gente commenta quando vuole, c'è poco a fare.

Ecco perché quando ti occupi di social media non devi MAI dare per scontato (e incluso) anche il lavoro di gestione community. È una specializzazione a sé e un'attività da quotare a parte in base all'impegno, gli obiettivi e alla dimensione della community.

👉 Commenti pieni d'odio, troll, haters e altre meraviglie. Che sia il tuo progetto, un post personale o di di un cliente, una sponsorizzata, se comunichi devi mettere in conto critiche (costruttive e distruttive) e magari potresti aver contribuito alla cosa.

INPS social media manager epic fail

Ma che si fa? Qual è l'approccio giusto? Devo davvero mordermi la lingua e soffrire in silenzio?

A caldo, sì. Fai anche una serie di lunghi respiri: inspira in cinque secondi, trattieni il fiato per cinque secondi, espira per sei secondi e ripeti.

Perché risposte frettolose e istintive non risolveranno la questione.

Se lo fai per lavoro, lo sforzo sarà doppio: da un lato dovrai tenere a bada la tua voglia d'ingiuria e dall'altro dovrai rassicurare e informare il cliente che è tutto sotto controllo e stai già lavorando per gestire in modo professionale il problema.

Altri esempi, comunissimi:

👉 Moderare i commenti di una sponsorizzata social: la creatività chiede – chiaramente – "clicca qui", "scopri di più", "compila il modulo" ma i commenti sono tutti tipo: "prezzo", "info", "costo e data".

Lo so, l'unica cosa che vorresti scrivere è: "ma sai leggere? È tutto scritto lì!" oppure "compila quel cazzo di modulo!".

A tal proposito, hai presente Commenti Memorabili?

Ti invito a considerare un paio di aspetti:

  1. Tecnicamente potresti aver fatto qualche errore nella progettazione del tuo contenuto. Ricorda che non deve piacere a te o al cliente, deve arrivare al target e veicolare il messaggio. Conosci il target?
  2. Ricevere tanti commenti è meglio di riceverne zero. Conosco casi in cui lo si fa volutamente, altri in cui succede e mi sono trovata spesso a moderare richieste, diciamo, ovvie. Se sai come fare può rivelarsi addirittura vincente.

Poche semplici regole da tenere a mente e tanta organizzazione.


Partiamo dai classici "merdoni", che si fa?

E poi?

Non esiste gestione community che si rispetti senza un documento F.A.Q. e delle linee guida chiare, puntuali e precise circa il ToV (tono di voce) da tenere, i contatti da comunicare, le info dettagliate che vanno poi riscritte in chiave social, cosa dire e cosa non dire, delle bozze sui temi più caldi per abbreviare i tempi di risposta e moderazione quando scatta il flame e partono le polemiche.

Meme community manager momò
Questa la puoi stampare (su carta da riciclo) e incorniciare per i momòmenti d'emergenza.

Per esempio, se il tuo servizio di consulenza online ha un prezzo medio alto e sai che ogni tot qualcuno lo contesta perché ci sono competitor che si fanno pagare uguale per "la stessa cosa" in presenza, potresti scrivere:

Gentile Pincopallo,

la consulenza online segue esattamente la stessa procedura della consulenza in presenza, tuttavia comprendiamo che lei possa sentirsi più a suo agio con la seconda modalità.

Si tratta di una call specialistica della durata di almeno XYmin

Avrà a sua disposizione tutti i professionisti del nostro team:

• Per la parte X l'avvocato Del Diavolo.

• Per la parte Y il dottore commercialista Teneconto Quattro e il ragionier Finini.

La consulenza comprende: 

1. Questo

2. Questo

3. Quest'altro

4. Invio della procedura, video della sessione, riepilogo e tanti cari saluti.

Ciascun professionista dà un valore al proprio tempo, determinandolo sulla base di esperienza, competenza e professionalità.

Per ulteriori chiarimenti può scrivere all’indirizzo e-mail anchemeno@stiamolavorando.ciao

Saremo felici di risponderle!

Team "Ma mi faccia il piacere"

Ricorda che esistono professionalità specializzate nella gestione delle crisi. Nel dubbio, chiedi momò!

E poi?

Per tenere traccia di quello che "si dice" su di te e sul tuo brand attiva gli alert. Ti suggerisco di provare momò Google alert e Talkwalkers (ma non diventarne schiavo/a) – è solo lavoro – mentre per i gruppi Facebook puoi attivare una lista di "parole" per le quali riceverai una notifica ogni volta che vengono digitate. Così sarai sempre sul pezzo.

Ultimo punto, ma primo per importanza: occhio a cancellare i commenti negativi. Anche i miei bassotti sanno quanto sia semplice fare uno screenshot o creare infiniti altri profili. Meglio una risposta ben scritta.

Un ulteriore strumento di tutela super-efficace è dotarsi di un bel disclaimer in cui spiegare bene quali comportamenti non desideri avere sui tuoi canali, quali parole non sono consentite e così via.

Chi ti ama ti segua!

Purtroppo mi duole informarti che ti seguirà anche chi non ti ama, i social media sono fatti così. L'importante è avere consapevolezza e capire cosa, come e perché comunicare.

E quando non lo sai o ti sorge il dubbio,

👨‍💻 scrivimi ti risponderò momò!

Buon social media marketing,

Marina Momò 💜

Fammi sapere che apprezzi il mio lavoro:

Un contenuto non è il tuo obiettivo

Trigger alert: forse ci sei dentro fino al collo e potresti avere un sussulto. Fai così: siediti, un bel respiro profondo e... buona lettura!

Un contenuto NON è il tuo obiettivo.

Anche questo articolo è un contenuto eppure non è il mio obiettivo.

Ma perché?

Che si tratti di un post, di un video, di un carosello, di un podcast, di un articolo di blog, spesso impieghiamo ore e a volte giorni per produrre un buon contenuto. Per questo lo carichiamo di aspettative.

Il nostro tempo, le ricerche, la cura dei dettagli, la grafica e la scelta della copertina, le foto. Senza contare il "purgatorio" della pubblicazione: una volta c'è un bug, un'altra non si sente l'audio, e così via.

Eppure aspettarci che quell'unico pezzettino della nostra comunicazione avveri tutti i nostri sogni è un errore grossolano: il singolo contenuto social è parte di un insieme più ampio che, potenzialmente, esce dal contesto dei social media.


Anche se ogni giorno della mia vita mi alzo e so che devo progettare, programmare e pubblicare contenuti, il mio obiettivo non sono i contenuti in quanto tali. Eppure questo è il mio lavoro: pubblicare – e far pubblicare – contenuti social.

Tutto quello che io e ciascun social media manager facciamo - ogni santo giorno - è partire dagli obiettivi per produrre post social che mirino a essi.

Sbalorditivo?

Okay, questa era la parte brutta.

🎯 Ciascun contenuto ha un proprio obiettivo.

Prima di procedere, occorre fare una precisazione momò. Di obiettivi ne è pieno il web (e non solo) ma quali sono?

Esistono due grandi famiglie:

Gli obiettivi di business riguardano la crescita e la sopravvivenza dell'azienda, come aumentare i profitti, espandere la base di clienti e migliorare l'efficienza operativa, qualsiasi interazione e azione che ci dimostri l’interesse del nostro pubblico, i risultati che vogliamo raggiungere e mantenere, la crescita della nostra attività.

Gli obiettivi di branding riguardano tutto ciò che aiuterà i nostri potenziali clienti a riconoscere il nostro brand e identificarsi con esso, come aumentare la consapevolezza del marchio, migliorarne l'immagine, la riconoscibilità e aumentare la fedeltà dei clienti.

Queste due grandi "famiglie" si incontrano costantemente, non solo a Natale! Diciamo che condividono una bella villetta bifamiliare con ampi spazi in comune. La convivenza, si sa, può essere difficile ma è inevitabile.


Quali obiettivi perseguire?

E io che ne so 🤌!?

🚦Voler rispondere a questa domanda senza aver fatto i conti con tutto quello che c'è "prima" sarebbe come voler tagliare il traguardo senza passare dal "via".

Il "via" che non puoi ignorare prevede:

  1. Il/i target: gli obiettivi dovrebbero essere scelti in base ai tuoi potenziali clienti e al loro comportamento.
  2. Il mercato e la concorrenza: come aumentare le vendite o migliorare la brand awareness se non sai quali sono i tuoi competitor, cosa fanno e come? Devi scoprirlo!
  3. Le piattaforme social: gli obiettivi dovrebbero essere scelti in base alle caratteristiche e alle specifiche funzionalità dei canali social che scegli. Come diceva Leonardo Sciascia: "a ciascuno il suo".

Ci sarebbe da approfondire parecchio, lo faremo. Promesso!

Okay, 'sti benedetti obiettivi social li dobbiamo scegliere e non a cazzo di cane. Questo credo sia chiaro.

Dobbiamo perseguire uno scopo. Vogliamo farlo con il marketing.

Ma... qual è lo scopo del marketing?

Per fortuna non aprirò questa ulteriore parentesi, anche perché magari già lo sai. Credo però che un ripassino non faccia mai male, oppure ti stai chiedendo: corpo di mille balene! Ma quale cavolo è l'obiettivo del marketing???

💎 Ecco la risposta eccellente di Riccardo Scandellari.

Riporto solo un breve stralcio che assolutamente devi leggere prima di proseguire:

È con la creazione di un pubblico vero, disintermediato dai social e di cui conosci il nome o come contattarlo che otterrai il successo nelle tue attività di marketing. ( 👉Leggi tutto)

Ta-dà!

Ecco gli obiettivi per i tuoi post social:

Riconoscibilità ❄️ Pubblico Freddo 🎯 Follower
Interesse 🌡️ Pubblico Tiepido🎯 Awareness
Desiderio 🌡️ Pubblico Tiepido🎯 Community
Azione 🔥 Pubblico Caldo🎯 Posizionamento
Fedeltà 🔥 Pubblico Caldo🎯 Conversione/Vendita

Schema super semplificato di obiettivi social

Alterna i tuoi obiettivi in maniera costante: non tutti i tuoi follower si trovano nello stesso punto del funnel. Se hai una strategia, hai uno o più funnel. Vero?

Esempio momò: devi lanciare il tuo video corso su come trascorerre in maniera efficiente il tempo alla toilette. Ovvero: cosa fare mentre fai la cacca oltre alla cacca?

Diamo per buono il fatto che tu abbia seguito tutti i passaggi "obbligatori" di ricerca e analisi. Diciamo che hai svolto anche un bel beta-test su un congruo campione di individui in target.

esempio per funnel social di lancio videdo corso su cosa fare mentre fai la cacca oltre alla cacca

Quindi il tuo obiettivo potrebbe essere vendere a dieci persone il tuo corso in early booking (a un prezzo molto vantaggioso) per un certo periodo di tempo.

Il tuo marketing mix prevede:

Hai lavorato sodo e ora è il momento di agire! Validiamo questa idea e proviamo a venderla. Alla peggio sarà una cagata.

Un molto-generico funnel* di contenuti potrebbe essere:

🌈 AwarenessCosa stanno sbagliando i tuoi potenziali clienti e perché?
🔥 AutorevolezzaLa tua opinione/esperienza professionale, casi studio e ciò che ti differenzia dai competitor.
🙌🏻 Empatia IspirazioneParola chiave: immedesimazione. Non ergerti su un piedistallo ma condividi la tua storia, ciò che ti accomuna al tuo target.
🥶 Dubbi PaureQuali problemi risolvi? Quali sono le paure, i dubbi e le domande frequenti?
*Questo è solo un "canovaccio" su cui imbastire la tua trama: quanti post fare, quali canali utilizzare, come integrare la newsletter, come raccogliere i lead, quanto dura il funnel? Sono tutte domande a cui nessuno può rispondere senza approfondire il tuo progetto. Però questo è un ottimo punto di partenza e puoi usarlo come promemoria.

Ora come fai a capire se le tue azioni e i tuoi investimenti stanno andando bene o una merda?

"Se la gente compra il mio corso sulla cacca, ovvio!"

E invece... non proprio. (Che risposta di 💩).

Perché le variabili in gioco possono essere così tante che a volte, lo stesso prodotto/servizio, può andare benissimo oppure fallire miseramente. Ma non è detto che il il tuo famoso corso sulla cacca sia 'na merda! Magari è perfetto, forse non è arrivato alle persone giuste al momento giusto.

Oppure il funnel si è inceppato a un certo punto. Se non sai dove, non saprai neanche perché e non ti resterà che tornare in bagno, crogiolarti nell'infelicità e chiederti: perché nessuno vuole sapere cosa fare mentre fai la cacca oltre alla cacca?


Ti servono i KPI: e che so'?

I KPI sono tutti quei "fatti numerici" che ti permettono di capire (nel tempo) se stai facendo bene.

Impression, copertura, interazioni, condivisioni, menzioni, conversazioni private, E.R. (engagement rate), salvataggi, richieste/info, click su link, registrazioni, numero di follower, crescita e andamento della community, continuo?

Questi sono, relativamente alle attività di social media marketing, i kpi più comuni. Nb: KPI da non confondere con metriche.

Come direbbe Totò: "per andare dove dobbiamo andare per dove dobbiamo andare?"

Vuoi il link alla scena, vero? 👉Eccolo QUA 😅

Piccolo off topic: ogni volta che mi imbatto in una situazione confusa mostro questo video. Ma non per deridere i miei interlocutori, anzi! Rende molto più facile e meno noioso raccontare perché sia necessario fissare 'sti benedetti KPI. Provare per credere!

Quindi i Key Perfomance Indicator, come il nome stesso suggerisce, sono come una bussola che ti consente di seguire la rotta e modificarla al momento giusto, se necessario.

Affinché la bussola funzioni correttamente, c'è una logica da seguire:

Si tratta di progettazione. Ti sarebbe piaciuto fare l'architetto? Be', io ho studiato architettura e questo oggi mi rende la vita più semplice, almeno in teoria.

Come devono essere i KPI?

La risposta è semplice ma non facile:

S.M.A.R.T.

Per approfondire consiglio di leggere momò questo articolo di Giuseppe Noschese. Giuseppe è un super consulente eCommerce e formatore. Anche se non stai facendo eCommerce in questo momòmento, troverai di certo utili suggerimenti e spunti di riflessione nel suo accuratissimo blog.

☺️ Prego! Ricorda sempre di condividere ciò che ritieni utile: sharing is caring.

Tenere traccia dei KPI e misurarli. Ti pare poco?

Lo so, mi sto dilungando. Ma credimi – o almeno credi a Giuseppe Noschese – non esiste marketing senza dati. Misura, raccogli, analizza e confronta. E non sottovalutare mai l'ascolto.

Tra i KPI più interessanti c'è l'universo del customer care. Domande, dubbi, richieste, obiezioni. Non importa se tu sia una multinazionale o un panettiere. Dovresti annotare tutto, ma proprio tutto. Anche – e soprattutto – quando gli affari ti vanno bene.

Tornando ai social, la vuoi una selezione di tool che ti aiutino 'co sti benedetti KPI?

Ne esistono molti altri, qui ti ho voluto dare un piccolo assaggio. Tutti prevedono una prova gratuita e hanno caratteristiche differenti da considerare in base al progetto che devi misurare. Il mio consiglio – e tool preferito – resta sempre e comunque il cervello!

👉 Ricorda: per essere utile la misurazione dei KPI deve avvenire sempre con lo stesso tool.

In conclusione ti lascio con una domanda: se un contenuto non è il tuo obiettivo, qual è il tuo obiettivo?

Se sono stata abile nel condurti in questo piccolo viaggio, ora avrai più dubbi di prima!

Il mio obiettivo era indurti a ragionare e invogliarti ad approfondire. L'ho raggiunto?

Iscriviti a "Non si sa mail" la newsletter che arriva quando ti chiedi: cosa pubblicare sui social?

Fammi sapere che apprezzi il mio lavoro:

Grazie e buon social media marketing,

Marina Momò 💜

Social media manager senza se e senza ma.

CalenDiario Momò Gennaio 2023

CalenDiario Social Gennaio 2023 momosocialmediamarketing

Cosa cercano le persone sui social?

Informazioni, intrattenimento, emozioni, riprova sociale, svago, ispirazione-idee, storie.

Il Calendiario, quindi, è il tuo (nostro) strumento operativo per avere sempre un buon punto di partenza per raccontare la tua storia. In pratica qui trovi gli spunti, raccolti e selezionati a mano, per passare da"pubblico un post" a "comunico il mio messaggio".

Prima di iniziare ricorda: un contenuto non è il tuo obiettivo.

Se hai dubbi, leggi prima qui e fatti un giro qua.


Momò goditi il CalenDiario di gennaio:

settimana 1 gennaio 2023
settimana 2 gennaio 2023

Il 14 gennaio è anche la Giornata mondiale della logica World Logic Day (WLD).

Ritengo - mia opinione personalissima - che la logica sia sottovalutata e mal spiegata. La logica è quella disciplina che studia il modo in cui qualcosa "segue" da qualcos’altro utilizzando quelle che noi umani abbiamo stabilito essere le regole del ragionamento corretto e cioè vero.

Consiglio di partire da questo articolo di Silvia Pittarello per approcciarti al fantastico mondo della logica!

settimana 3 gennaio 2023
settimana 4 gennaio 2023

Prima di correre a progettare i tuoi contenuti devi sapere una cosa:

puoi avere il CalenDiario in versione googlecalendar open souce per sempre. Sono anni che ci lavoro e ho deciso che questa miniera d'oro per content creator deve essere condivisa.

Iscriviti a "Non si sa mail" e prenditi tutto.

Te lo meriti!

Fammi sapere che apprezzi il mio lavoro:

Grazie e buon social media marketing,

Marina Momò 💜

Perché lo spot di Layla Cosmetics è così imbarazzante?

The Longer The Better. Ma de che? Forse il più imbarazzante.

La nuova campagna di un banale mascara Layla Cosmetics ha scatenato un putiferio. 

E giustamente!

(Nella versione originale QUI c'era il link allo spot sul canale YouTube ufficiale, ma è stato rimosso! Quindi lo sostituisco con QUESTO che poi magari lo rimuoverano. Eh, vabbé.)

Sul perché sia una merdata mi auguro nessuno di noi abbia dubbi. Qui vorrei approfondire l’aspetto comunicazione e marketing e ragionare con te. 

Si tratta di uno spot razzista-sessista-imbarazzante e che non avrebbe mai dovuto vedere la luce. Lo hanno raccontato molte persone, tra cui Giulia Baldini di cui ti invito a leggere questo.

E Grazia Fainelli qui.

Ma, com'è potuto succedere?

Ogni volta che mi trovo a progettare e fruire contenuti mi chiedo sempre - soprattutto - “perché”.

Ecco. Su questo vorrei concentrare i nostri sforzi.

Ho individuato 3+1 “I” che riassumono la situazione:

La prima “I” si spiega quasi sola: in quest’intervista Babila Spagnolo, Amministratore Delegato di Layla Cosmetics, racconta di un’azienda inclusiva. Non era molto tempo fa. 

Cosa significa inclusività

“Termine con cui si designano in senso generale orientamenti e strategie finalizzati a promuovere la coesistenza e la valorizzazione delle differenze attraverso una revisione critica delle categorie convenzionali che regolano l’accesso a diritti e opportunità, contrastando le discriminazioni e l’intolleranza prodotte da giudizi, pregiudizi, razzismi e stereotipi.”

[Continua su Treccani]

Ecco dunque il primo peccato mortale, grave errore tecnico di comunicazione: venire meno alle promesse fatte, o peggio fare false promesse, sbandierare al vento “valori” aziendali perché così fan tutti, ma che poi dimostri di non abbracciare davvero. Forse neanche di comprendere in questo caso.

L’incoerenza si paga e pure a caro prezzo.

Ma procediamo con la seconda “I”: incompetenza.

Qui il discorso è un po’ più ampio e necessita una premessa: la campagna in co-branding con Taffo per il medesimo prodotto.

Una special edition dell’ormai celeberrimo ”The Longer The Better” di cui agevolo filmato qui.

Bella eh!?

Questa è una campagna di tutto rispetto che ha sapientemente (secondo me) legato i due brand con “ironia e irriverenza”. Ciò che si definisce un approccio distruptive, ovvero dirompente, tipico del social media marketing di oggi.

Se lo sai fare funziona. Se lo sai fare.

Un approccio ben lontano dal marketing tradizionale che pone(va) il prodotto al centro. Siamo da un bel pezzo nell’epoca del marketing relazionale. Cioè?

Come il termine stesso suggerisce, l’attenzione si è spostata dal prodotto alla persona. Più precisamente alla relazione che il brand instaura, coltiva, nutre con i propri clienti e potenziali clienti.

Sì, la famosa community. No, non i follower (che possono essere comprati, scambiati, barattati) le persone vere e in target.

Come si fa?

Ci si affida a figure professionali che lo fanno di mestiere. Non è genio e sregolatezza, anzi, la sregolatezza non c’entra proprio nulla. Perché prima di attuare una campagna del genere si studia in maniera ossessiva ogni aspetto e ci si interroga profondamente sull’effetto che avrà. A chi vogliamo che arrivi principalmente, cosa ne pensa il nostro target di un determinato argomento o linguaggio, quali parole usa e quali comprende. Quali emozioni susciteremo.

In genere ci si prepara anche con un piano di crisis management perché questo tipo di comunicazione ha sempre dei rischi. Rischi valutabili e gestibili.

Gestibili se li conosci, eh!

E qua arriva la terza “I” l’incoscienza.

Confesso che la “cosa” del merdone di Layla non mi ha per nulla stupita. 

Pensare che in una grande azienda, con grandi budget da investire, con tanti “esperti” e direttori marketing e chissà quanti super responsabili, l’ultima parola sia affidata a chi ha le competenze giuste è una favoletta. Non è sempre così.

Spesso chi ha l’onere/onore di prendere la decisione finale non ne capisce una mazza. Forse neanche ci sta sui social.

Perché il problema è qui: i social.

Questo discutibilissimo spot è stato pensato per i social media secondo te?

E se sì, quali?

Considerando che il media su cui va (andava?) in onda in esclusiva sono “i canali Mediaset” deduco che si tratti di uno spot per la tv (media tradizionale) rivolto a un pubblico moooolto molto specifico.

Il famoso target che apprezza l’offerta delle reti Mediaset tra cui trionfa, per esempio, il GF Vip e “La pupa e il secchione” (inorridisco solo a scriverlo). Eppure è un target con bisogni, desideri, paure e quindi cliente di qualcuno.

Io non faccio parte del target. E tu?

Con assoluta schiettezza ti chiedo:

Domande a cui non so rispondere perché non ce la posso fare a guardarli.

Non per snobismo, anche io amo il trash, ma questo è ben oltre il trash. Sono troppo sensibile a certi argomenti, evito accuratamente di legarmi a persone e aziende di cui non condivido i valori e quindi… non posso. 

Sono dunque abbastanza sicura che se il video fosse rimasto lontano dai social il clamore sarebbe stato minore. Di sicuro più lento.

Lo so, stai pensando: lo hanno fatto di proposito in nome del “basta che se ne parli”.

Può essere, ma se così fosse avrebbero avuto un piano di crisis management e la bomba non gli sarebbe scoppiata in mano.

Dai commenti, dai pubblica/cancella post, dalle non-dichiarazioni ufficiali, direi che hanno fatto una cazzata e basta. 

Peccato che quando pubblichi qualcosa sui social, quando sei un brand, quando lanci il sasso, diventa del tutto inutile nascondere la mano.

Anzi, è pure peggio.

Già immagino queǝ “poverettǝ” che si saranno presi la briga di dire: “succederà un casino.”

Magari hanno pure fatto riunioni su riunioni, ma si sa, l’ultima parola è del capo (ovvero di chi paga gli stipendi a fine mese). Se l’idea geniale è stata proprio del capo allora rassegnamoci… vedremo altre oscenità così finchè mancherà la consapevolezza, la coscienza, l’umiltà e la capacità d’ascolto di questi individui.

Ad avvalorare questa ipotesi - poco creativa, lo ammetto - ti invito a visitare il profilo Instagram di Babila Spagnolo.

Cito: realbabagram

“Spot Layla The Longer The Better Extra Black.

Mi dicono che sia un po’ fuori dalle righe! Boh non capisco.😂

Grazie a tutti. Abbiamo creato qualcosa di magnifico.”

Ma qui mi si apre nella mente un grande enorme dubbio:

chi ha firmato rinnegato questa campagna?

Perché una cosa è certa: non si tratta di una produzione low-cost “fatta in casa per voi” (cit.)

Volevano forse sollevare volontariamente questo vespaio scatenando il dibattito a cui stiamo assistendo?

E chi lo sa… (ma se leggerai fino alla fine forse lo scopriremo).

Non tutto il male viene per nuocere, approfittiamone rinfrescandoci la memoria con una carrellata di ADV altrettanto imbarazzanti.

Segnalata da Roberta Tafuri

Non ha destato alcuno scandalo, anzi. Personalmente la trovo pure “gradevole” 😜 e non ho notato alcun commento offensivo, omofobo, o altro. Ma mi chiedo: se la protagonista fosse stata una donna?

Il retaggio culturale avrebbe generato un sottinteso del tipo: è un invito sessuale?

Posso affermare che questa pubblicità è stata firmata da Gibbo&Lori perché compare nel loro porfolio.

Colpo di scena momò!

Cerca che ti ricerca, il sempre affidabile Google svela l’arcano:

Ta-dà! Mistero risolto!

Risolto ‘na cippa!

Qui si apre una nuova serie di domande, tra cui: come mai non è presente (ad oggi) tra i loro lavori?

Perché, con tutto il trambusto che ha generato 'sto spot, non hanno sentito l’esigenza di divulgare il processo creativo, l’intento, la musa che li ha ispirati?

Ai posteri l’ardua sentenza, a Gibbo&Lori la risposta a tutti i nostri dubbi.

Poi mi piacerebbe pure sapere cosa ne pensa davvero Riccardo Pirrone. Ma questa è ‘na cosa mia. Perché lo stimo e sono certa che potrebbe arricchire notevolmente il dibattito.

E quindi? Finisce così?

Non so se sia furbo o meno, però sento il dovere morale di esprimere la mia personalissima e modesta opinione su questo spot: mi fa cagare lo trovo aberrante.

Lasciami aggiungere che:

“Da grandi poteri derivano grandi responsabilità”

cit. Ben Parker lo zio di Spiderman.

Noi comunicatori facciamo un mestiere insidioso e nessuno NESSUNO ha la verità in tasca.

È giusto e nei nostri diritti esprimere opinioni e dire ciò che apprezziamo e detestiamo, perché ci turba o ferisce, è un sacrosanto diritto difendere i diritti. Solo mi piacerebbe vedere la stessa partecipazione anche alle campagne che destano meno clamore, magari perchè sono fatte bene e cercano di sensibilizzare, raccogliere fondi e veicolare tematiche importanti.

Sostenere chi si impegna a fare bene è importante come asfaltare chi fa cazzate.

Anzi, secondo me è più importante e sicuramente più utile.

O no?

Sentiti liberǝ di commentare, dissentire, incazzarti e dare il tuo contributo. Puoi pure condividere l'articolo, eh! #sharingiscaring

Io resto in ascolto.

Ringraziamento speciale: questo contenuto l'ho scritto io - Marina aka Momò - e me ne assumo ogni responsabilità. Devo però dire grazie a chi, con grande pazienza e fiducia, ha contribuito alle mie ricerche e deduzioni e ogni giorno si fa carico di ascoltare le mie chiacchiere in Freelancerìa.

In ordine puramente alfabetico.

Infine, grazie a te! Hai fegato oppure taaanto tempo a dispozione 😅💜

Carə cuginə, ti scrivo

C’è un motivo se noi lavoratori digitali siamo incazzatissimi coi “cugini” di tutti ma in realtà non ce l’abbiamo coi parenti di nessuno.

Definiamo cuginə (o cugginə): persona tra i 15 e i 35 anni, nativə digitale, da sempre in possesso di smartphone e quindi ritenutə sgamatissimə in tutto ciò che è digital, Social in primis, senza avere alcuna competenza professionale in merito.
Non sempre lə cuginə ha legami parentali con l’azienda per cui lavora, ma spesso il committente contatta un Social Media Manager PRO dicendo “finora l’ha gestito miə cuginə” oppure “questo lo segue miə cuginə”.
Altrettanto spesso l’azienda che si rivolge al cuginə rimane insoddisfatta o, nel peggiore dei casi, fregata, con un lavoro eseguito “basta che sia” e che:

Domanda provocatoria: se bastasse essere cugini di qualcuno per lavorare bene coi Social Media, a cosa servirebbero i vari corsi, più o meno costosi ma che comunque bisogna aver voglia di seguire, che si trovano in rete?

Per fare un post NON bastano 2 minuti

Purtroppo in Italia è ancora molto diffusa la convinzione che il SMM “scriva 2 cazzate e pubblichi una foto”.
Questo è ciò che fa lə cuginə, ecco perché i SMM li mal sopportano: i cugini svalutano il reale valore del loro lavoro, alla facciazza del tempo impiegato a studiare e a fare esperienza.

Per fare un post come Dio comanda servono diversi requisiti, per esempio conoscenze di copywriting - almeno basiche - e competenze minime di grafica. E questa è la parte più facile, perché dobbiamo tenere a mente che un post che funziona è un contenuto all’interno di una strategia di marketing, non un evento isolato.

L’etichetta Social Media Manager comprende abilità trasversali molto ampie e differenti tra loro, perché si occupa di gestire la presenza online di un’attività dall’A alla Z:
- definisce quali canali utilizzare
- declina i contenuti in formati adatti a ciascuna piattaforma utilizzata
- crea e gestisce le pagine social
- gestisce, nutre e modera le community
- analizza gli insight
- valuta e propone una strategia di contenuti che porti a raggiungere gli obiettivi aziendali e la ottimizza durante il percorso
- crea i contenuti e li pubblica
- cura l’identità e la reputazione del brand
- genera traffico in entrata

… e probabilmente io stessa ho scordato qualcosa 😜


Chi può ha un intero reparto di Social Media Marketing


e al suo interno troviamo lo Strategist, il Content Manager, il Community Manager, l’ads expert e l’analista.

Ma siamo realistici, in quanti si possono permettere un intero team di professionisti, soprattutto se non viene riconosciuta l’importanza della specializzazione di ciascuna di queste figure?

Al Social Media Manager è quindi richiesta ognuna di queste competenze, tra loro ce ne saranno alcune nelle quali sarà più a suo agio e altre meno, ma un professionista serio proporrà soluzioni al proprio cliente anche presentandogli dei colleghi ferrati su una disciplina specifica, al bisogno.

Un Social Media Manager rispettabile è in grado di fare un passo indietro quando sa di non poter raggiungere i risultati richiesti e ha una caratteristica spiccatissima: la curiosità.
Infatti possiede basi di marketing, ascolta podcast, segue corsi, si aggiorna, impara dai colleghi, prende spunto ed elabora tutto ciò che capita nel suo raggio sensoriale, ma ci sono...

... cose che un Social Media Manager deve saper fare


- Sviluppare una strategia di marketing sui Social, ovvero definire come e dove muoversi per raggiungere gli obiettivi aziendali (l’ho fatta facile)
- Curare la reputazione e l’identità del brand che si segue, definendo e rispettando il Tono di Voce aziendale
- Identificare il target, conoscerlo dettagliatamente e mettersi nei suoi panni (io adoro la fase cosiddetta di listening, te ne parlerò presto!)
- Impostare obiettivi misurabili e valutare il grado di conversione
- Produrre contenuti differenzianti di qualità, sia a livello testuale che grafico, e saperli declinare correttamente per tutti i canali in cui il cliente è presente
- Pubblicare e moderare le pagine, sapendo anche gestire la comunicazione in caso di crisi. Certo, non parliamo di crisi di Stato o umanitarie, ma ti posso assicurare che alcuni commenti sono davvero in grado di distruggere la reputazione che hai creato con tanta fatica per la tua attività: rispondere (o non farlo) in modo corretto, può davvero salvarti - non la vita, ma - il portafoglio
- Monitorare l’andamento delle pagine e produrre i report per il cliente, valutando la crescita del profilo, la copertura dei post, le conversioni, ecc.

C’era una volta un business che si affidò a un cugino


La realtà è molto diversa dalle favole e l’attività che si affida a cuginə non vivrà il classico “e vissero felici e contenti” restando con questo losco figuro tanto bistrattato online.

Come finisce, quindi?
La storia può avere 3 epiloghi:
- prima di fare danni grossi alla propria comunicazione online, l’azienda corregge il tiro e si rivolge a un professionista;
- lə cuginə combina un casino e l’attività si rivolge, disperata, a un Social Media Manager qualificato e referenziato;
- il business non comprende cosa sta succedendo, non ha gli strumenti per valutare la qualità del servizio reso dal cuginə e continua a farsi fregare. 
Tuə cuginə lavora sui tuoi Social come lo farebbe un Social Media Manager professionista?
Prova a tenere traccia dei risultati che ottieni con la sua gestione e, se ti va, scrivimi: la prima consulenza è gratuita e, chissà, potresti scoprire che tuə cuginə è unə PRO!

Cosa pubblicare sui social? Conosci il tuo target, non la magia

Ti vedo sai?
Sei lì, davanti al tuo profilo Facebook o Instagram, immobile e apparentemente in trance: stai pensando cosa pubblicare sui tuoi social che possa coinvolgere e interessare i tuoi followers.
Prima di tutto smetti di cercare nelle pieghe meno battute del tuo cervello; esistono metodi più semplici per scoprire cosa piace al tuo target e questo è il sacro luogo in cui ti verranno rivelati i segreti del Divino Mago Otelma.
Pardon, di momò.

In un certo senso si tratta di imparare a leggere la mente delle persone che ti seguono e, se non possiedi il dono della chiaroveggenza, sappi che esiste un metodo che richiede tempo e pazienza ma è a portata di babbanə:

  1. Definisci bene il tuo target.
    Immagino tu sia stancə di leggere che devi individuare bene a chi ti rivolgi e io stessa, che non amo le ripetizioni, soffro un po’ ogni volta che lo scrivo.
    Tuttavia senza aver compiuto questo passaggio andrai poco lontano perché, anche se vorresti vendere il tuo servizio o il tuo prodotto “a tutti”, parlare “a tutti” è come parlare da soli, ovvero a nessuno.
  2. Tieni sempre presente che i social sono luoghi in cui socializzare, non sono nati per “vendere”.
    Ti senti fregatə? Non dovresti, visto che ormai è chiaro che le relazioni instaurate con i nostri potenziali clienti, ci aiutano a fatturare.
    È importante ricordarsi di questo dettaglio, perché così sarà più facile capire perché è tanto importante creare contenuti di valore, o meglio, regalare.
  3. Impegnati a capire cosa interessa a chi ti segue - tra poco ti spiegherò come fare - e daglielo momò, con personalità e stile. I tuoi.

Dopo esserti tatuatə sulla pelle questi aspetti davvero basilari, puoi iniziare la fase di ricerca e analisi, che a me piace definire “di ascolto”.
Potresti trovarla noiosa e sicuramente richiede tempo, ma semplificherà notevolmente il processo di creazione dei tuoi contenuti.
Come si fa?

Prova con “bidibi bodibi bù”: non succederà niente.

Dovevi toglierti il dubbio e mai come in questo caso tentar non nuoce, visto che non si è mossa una foglia. Benissimo, non è stato fatto alcun danno! In compenso ora sei prontə a fare sul serio:

Complimenti!

A questo punto sei prontə a creare grafiche e copy per i tuoi post; mi sento di farti giusto un altro paio di raccomandazioni da nonnetta.

Ricorda che un contenuto è di valore se intrattiene o diverte, se ispira, se aiuta e informa il tuo target, ma anche se serve a far conoscere te e ciò che offri.
Evita di essere troppo autoreferenziale o di trattare i tuoi social come una vetrina, non esagerare con i post promozionali.
Alterna contenuti con obiettivi differenti, cerca l’interazione col pubblico più della vendita, rispondi a tutti i commenti che riceverai e non farti scoraggiare se all’inizio sarà difficile.

Infine, lascia agli attori l’improvvisazione (o meglio ancora, ai tuoi concorrenti).
Se giuntə fin qui hai ancora incertezze, perplessità o se preferiresti delegare questo aspetto del tuo business, scrivimi e troveremo una soluzione.
Nel frattempo, per avere sempre qualche idea per i tuoi post, dai uno sguardo al mio Calendiario, sono sicura che ti aiuterà 😉

Confondere PED e CED è come chiamarmi Martina anziché Marina

Fin dalla notte dei tempi, l’uomo dà un nome a ogni cosa sulla terra.
Lo fa perché ha la necessità di comunicare velocemente, comprendere e farsi capire. Anche quando esistono 2 nomi per definire la stessa cosa (penso a “mucca” e “vacca”, per esempio), a ben vedere contengono sfumature che rendono entrambi i nomi necessari; servono a riconoscere cose simili ma con caratteristiche differenti.
Chiarito ciò, perché mai l’uomo avrebbe battezzato lo stesso identico documento sia Piano Editoriale che Calendario Editoriale, se davvero si trattasse della stessa cosa?
Voglio dire: se per errore mi chiami Martina anziché Marina un paio di volte non succede niente, ma se insisti mi incazzo un po’.

Ti presento il Piano Editoriale, aka PED

Quando parlo ai miei clienti di Piano Editoriale, questi tendono a reagire in 2 modi:

Ora, se non si tratta di un freelance che lavora nel marketing digitale, la prima reazione citata è più che lecita e ben accolta, anche perché nel mondo fuori dal web, pure i professionisti della comunicazione – ahimè – hanno molto spesso le idee poco chiare su cosa sia un PED. E poiché ci sono cose che vanno fatte per il bene comune oltre che per il nostro, ho deciso di fare chiarezza una volta per tutte su questo vero e proprio “piano di attacco” del marketing e lo farò affrontando ciascuna sua componente per volta, in modo da poter poi comprendere con facilità il resto.

Iniziamo col dire che il PED fa parte della tua strategia di comunicazione, si occupa nello specifico della tua presenza sui social – io di solito lo faccio su base trimestrale – e definisce:

- argomenti da trattare, ossia COSA dire

- format dei contenuti che pubblicherai, ovvero COME dirlo

- su quali canali pubblicare, cioè DOVE dirlo

- tempistiche di pubblicazione, vale a dire QUANDO dirlo

- quale scopo ha ciascun contenuto che pubblicherai, in poche parole PERCHÉ lo dici.

Possiamo dedurre che un PED tratta in gran parte di contenuti e io sono certa tu sappia cosa sono i contenuti, ma vorrei porre l’accento su qualcosa che spesso ci scordiamo:

Un contenuto NON È il tuo obiettivo.

Che si tratti di un post, di un carosello, di un reel, di vlog post, di un articolo di blog, ecc. spesso impieghiamo ore e a volte giorni per produrre un buon contenuto, perciò lo carichiamo di aspettative. 

Eppure aspettarci che quell’unico pezzettino della nostra comunicazione avveri tutti i nostri sogni è un errore grossolano: il singolo contenuto è parte di un insieme di contenuti più ampio, che potenzialmente escono dal contesto dei Social (può comprendere per esempio newsletter, articoli su siti terzi, tutto ciò che coinvolge la tua presenza online) e che ha uno o più obiettivi specifici e misurabili.

Gli obiettivi si dividono in 2 macrocategorie ed entrambe sono fondamentali per le nostre attività:

Ciascun contenuto da noi creato ha un proprio obiettivo, ma, per esempio, sarebbe sbagliato delegare a un solo post le sorti del lancio di un nostro nuovo servizio.

L’importanza di chiamarsi PED (e non CED)

Solo compreso questo possiamo capire quanto sia strategico il Piano Editoriale, che a conti fatti è un documento abbastanza semplice, spesso un foglio excel, che ci offre una visione a 360° di dove vogliamo arrivare.
Non finisce qui, perché l’utilità più riconosciuta del PED è aiutarci a progettare, produrre, distribuire i nostri post e misurarne i risultati.
Come lo fa? Definendo:
1. il taglio editoriale di tutto ciò che verrà pubblicato, ossia lo scopo di ogni singolo post – intrattenere, informare, ispirare e raccontare di te e del tuo lavoro) – il format e la presenza o meno di una Call To Action

2. gli argomenti da trattare in ogni singolo contenuto da creare, le rubriche e i temi dei post

3. il target di riferimento, a chi questi contenuti sono indirizzati

4. il canale sul quale andremo a pubblicare ciò che avremo prodotto

5. gli obiettivi da raggiungere e misurare per valutare cosa funziona e cosa no e, quando serve, come “aggiustare il tiro”.

Cosa non è il Piano Editoriale

Una volta redatto un buon PED, ne sarai così entusiasta e ne apprezzerai tanto la comodità e i vantaggi, che avrai l’istinto di seguirlo pedissequamente.
Bene ma non troppo: il Piano Editoriale non è inciso nella pietra, può essere modificato a seconda delle necessità e accetta anche contenuti estemporanei nati dall’ispirazione del momento, che siano coerenti con la strategia in atto.
Le caselle del PED non sono la galera della tua comunicazione, chiediti solo se quello che stai per pubblicare è in linea con i tuoi obiettivi e, alla fine, ti accorgerai che anche la tua spontaneità trarrà beneficio dall’avere alla base il Piano Editoriale! 

Se ancora ci domandiamo se sia nato prima l’uovo o la gallina, numerosi studi antropologici e sociali confermano che il PED è nato prima del CED.

A questo punto avrai chiaro che il Piano Editoriale contiene le coordinate per creare il nostro Calendario Editoriale; è infatti proprio da qui che possiamo partire per produrre il CED creando:

Inoltre, grazie al Piano Editoriale sapremo esattamente quando, come e dove pubblicare ciò che avremo realizzato e cosa monitorare per valutare il successo della nostra strategia. 

Ti sembra difficile?

Per fare un buon lavoro nel produrre due documenti come il Piano e il Calendario Editoriale, servono:

Tutte caratteristiche che potresti desiderare di dedicare ad altri aspetti della tua attività, per farla crescere come solo tu sai fare.

Se però comprendi quanto sia necessario oggi essere presente in modo corretto sui Social, io sono qui per aiutarti in men che non si dica, anzi, proprio momò. E mentre decidi se contattarmi oggi o domani, ti consiglio di leggere questo articolo: troverai alcuni trucchetti per decidere cosa pubblicare sui tuoi social.